089 481820 - Via Cristoforo Capone, 59 Salerno info@centrolatenda.it

AGENDA 2021

2021 FORMARSI AL FUTURO

Negli ultimi trent'anni, lo scenario del fenomeno del disagio ha subito trasformazioni profonde.  Per rimanere nell'ambito delle dipendenze patologiche, il cambiamento delle sostanze e degli stili di consumo, la diffusione di nuove dipendenze senza sostanza (gioco d'azzardo, internet addiction, sex addiction, disturbi del comportamento alimentare, shopping compulsivo), l'aumento della cronicità, dei casi di doppia diagnosi, del consumo di cocaina e alcol, del numero di tossicodipendenti detenuti in misura alternativa, hanno messo in crisi il vecchio modello centrato sulle Comunità Terapeutiche. E ha reso evidente che la complessità del fenomeno delle dipendenze richiede sempre più un ripensamento dell'intero sistema dei servizi, accentuandone il carattere integrato, tipico degli interventi in rete.

 

FORMAZIONE BASE 

Classe propedeutica   

 

Questa classe unitamente alla classe “IL CENTRO LA TENDA”, è propedeutica alle altre. Difatti essa propone i temi di base, vale a dire: la storia, le radici valoriali, le esperienze formative, le professionalità interne, l’organizzazione, il metodo di lavoro, ecc. che caratterizzano la proposta formativa e disviluppo del Centro La Tenda oltre a suggerire testi ed indirizzi per approfondimenti.

Questa classe di apprendimento inoltre propone un questionario per la verifica dell’apprendimento teorico.

Il  corso Formazione Base intende fornire una prima risposta alle seguenti domande:

Cos'è il Centro La Tenda?

Qual è la sua mission?

Quando è sorta?

E per opera di chi?

Come è strutturato oggi il Centro?

I TITOLI DEI MODULI

LE RADICI DEL CENTRO

Un po' di storia e la prima esperienza di formazione presso il CeIS di Roma

LA PERSONA

La persona per il Centro La Tenda

LE AREE DEL CENTRO

La descrizione delle aree del Centro La Tenda: finalità, obiettivi, funzione

EVOLUZIONE DELLE PROFESSIONALITÀ' DI PROCESSO NEL CENTRO LA TENDA

Imparare e disimparare continuamente

PROGETTO UOMO

La filosofia di fondo del Centro Italiano di Solidarietà

ACQUARIO VERDE E ACQUARIO BLU

L'esperienza di un percorso formativo per operatori e animatori sociali

IL CENTRO LA TENDA OGGI

La continua evoluzione

IL SOCIALE PER FORMARE

Appunti per una scuola di nuove professionalità social

 

 

IL CENTRO LA TENDA 

 

I TITOLI DEI MODULI

IL CENTRO LA TENDA

Le caratteristiche del Centro La Tenda

WWW.CENTROLATENDA.NET

Il sito della rete

LE SEDI

Le sedi del Centro La Tenda

UN PO' DI STORIA

Fotogrammi

LE AREE

I nuovi sviluppi

FOTO SEDI E INDIRIZZI

EUROPASI Addiction Severity Index

 

 

I TITOLI DEI MODULI

L’ EUROPASI E UNA PROPOSTA PER L’ORIENTAMENTO DI NUOVI UTENTI 

Conoscere e valutare per aiutare

L'intervista

La versione europea dell'ASI

"ISTRUZIONI PER L'USO"

Guida alla valutazione dell'Intervista ASI

 

IL P.E.I. Progetto Educativo Individualizzato

 

Il P.F.I., è uno strumento di straordinaria importanza sul piano clinico, scientifico, didattico oltre che per la tutela dell’operato professionale.
Se correttamente gestito, contribuisce a:

Ø integrare armoniosamente l’agire dei molteplici attori coinvolti nel processo educativo
Ø accrescere la sicurezza dell’utente, permettendo di assumere decisioni basate su aggiornati e puntuali riscontri documentali.

l P.F.I., è uno strumento di straordinaria importanza sul piano clinico, scientifico, didattico oltre che per la tutela dell’operato professionale.
Se correttamente gestito, contribuisce a:

Ø integrare armoniosamente l’agire dei molteplici attori coinvolti nel processo educativo
Ø accrescere la sicurezza dell’utente, permettendo di assumere decisioni basate su aggiornati e puntuali riscontri documentali.

 

 

I TITOLI DEI MODULI

Il progetto formativo individualizzato (PFI)

Funzioni del PFI

Le voci del Progetto Individualizzato Utilizzato dal Centro La Tenda

 

MMPI Per capirne di più

 


Il corso intende offrire una sintetica conoscenza della strutturazione dell’MMPI-2, delle sue potenzialità, della sua utilizzabilità.

Il MMPI è un questionario di Personalità che permette di esprimere la descrizione clinica globale della persona attraverso una serie di variabili numeriche (scale cliniche, scale di contenuto, scale speciali, indici derivati, code-type).
 

I TITOLI DEI MODULI

Introduzione

Premessa

UN PO' DI STORIA

Voci in giro

PRESENTAZIONE MMPI IN SINTESI

Le principali caratteristiche

PRESENTAZIONE

MMPI Le nozioni fondamentali

MMPI per capirne di più. Una proposta corsuale

I fondamenti del Minnesota Multiphasic Personality Inventory

 

LE PAROLE PER DIRLO 

 

 

Anche se l’obiettivo della “diagnosi” del disagio mentale risponde ad una finalità in sé positiva, il ricorso all’inquadramento sanitario rischia di “recintare” la persona. Di fatto, le categorie esplicative mediche e clinico-psicologiche non sono in grado di cogliere I‘informazione dinamica contenuta in questi fenomeni.

È, invece, necessario ridare vigore alla ricerca e alla costruzione di nuove ipotesi operative, di natura effettivamente interdisciplinare. Abbiamo, quindi, avvertito il bisogno di riprendere i termini usati, e talvolta abusati, in ambito sanitario-psichiatrico, per offrirne una ridefinizione “interattiva”, frutto del confronto tra scienze psicosociali, medico-sanitarie ed esperienze educative maturate sul campo.

Questa proposta corsuale è dunque un’occasione riflettere insieme sulle prospettive del Centro La Tenda.

• Per sviluppare nuovi servizi.

• Per riflettere sull’idea di persona promossa dal Centro La Tenda.

• Per scoprire il significato delle parole usate in ambito clinico e interagire più consapevolmente con altre figure professionali.

• Per conoscere meglio gli strumenti psicodiagnostici utilizzati dal nostro Centro.

• Per conoscere nuovi approcci psicoterapeutici.

I TITOLI DEI MODULI

LE PAROLE PER DIRLO I PARTE

Premessa-Presentazione

LE PAROLE PER DIRLO II PARTE

I termini della sofferenza psichica (seconda parte)

LE PAROLE PER DIRLO III PARTE

I TERMINI DELLA SOFFERENZA PSICHICA (terza parte)

LE PAROLE PER DIRLO IV PARTE

I TERMINI DELLA SOFFERENZA PSICHICA (quarta parte)

Questionario fine corso

 

PSICOTERAPIE A CONFRONTO

 

 

Differenze e similitudini tra le più diffuse psicoterapie:

  • cognitivo-comportamentale
  • psicoanalisi   
  • psicodramma
  • terapia sistemico familiare  
  • analisi transazionale 
  • terapia centrata sul cliente
  • psicosintesi
  • logoterapia 
  • auto-aiuto  

I TITOLI DEI MODULI

PSICOTERAPIE A CONFRONTO

Differenze e similitudini tra le più diffuse psicoterapie e la relativa idea di uomo

PSICOTERAPIA=CURA DELL'ANIMA

Radici

LE SCUOLE DI PSICOTERAPIA

Le scuole di riferimento

L'AUTO-AIUTO

Un metodo per aiutare ad aiutarsi

FORMARSI PROGETTANDO

Classe di apprendimento

 

Una proposta formativa per imparare a progettare con il metodo GOPP (Goal Oriented Project Planning)

I TITOLI DEI MODULI

LA PROGETTAZIONE PER OBIETTIVI

Introduzione

LE FASI DELLA PROGETTAZIONE PER OBIETTIVI

Il metodo di progettazione

L'ESEMPIO PROGETTO GIOVANI del Centro La Tenda

Un'esperienza di riferimento

 

FUND RAISING Risorse al futuro

 

Il fund raising è una disciplina professionale che non si può improvvisare. Nel corso vengono spiegati e rilanciati operativamente i principi e le 12 idee guida per realizzare una "scientifica" raccolta fondi

I TITOLI DEI MODULI

PRESENTAZIONE

Introduzione

LE IDEE CARDINE

Le principali caratteristiche del FUND RAISING

LE 12 IDEE GUIDA DEL FUND RAISING

Il Fund raising in sintesi

 

LA COMUNICAZIONE SOCIALE E LA TENDA

 

Il compito della comunicazione sociale, la sua utilità generale risiede nell’incoraggiare e nel sostenere il patrimonio collettivo costituito dalla presenza di relazioni sociali. La “comunicazione sociale” è prodotta dal confronto di idee diverse e talvolta controverse, tra interlocutori di pari dignità anche che esprimono le istanze di gruppi minoritari. Questo tipo di comunicazione favorisce l’accrescimento del capitale sociale fatto di beni relazionali e processi cooperativi piuttosto che puntare su messaggi unidirezionali tesi a formare cittadini “buoni” e consenzienti.

La comunicazione sociale le proposte comunicative del Centro La Tenda. Il ruolo di caosinforma

I TITOLI DEI MODULI

  • COMUNICAZIONE SOCIALE

Cosa è veramente la comunicazione sociale

  • La COMUNICAZIONE SOCIALE e La Tenda

Riflessioni, esperienze, proposte del Centro studi e formazione caos

  • TRACCE DI CAOSINFORMA

una breve cronistoria della rivista caosinforma online La versione online di caosinforma

  • UNO SPOT PER

Un esempio di comunicazione sociale del Centro La Tenda

  • LO SCAFFALE

Prodotti multimediali curati da caos Centro studi e formazione de La Tenda

  • LE PRINCIPALI INIZIATIVE DI COMUNICAZIONE DEL CENTRO LA TENDA
  • UNA PROPOSTA DI CORSO: Comunicare per crescere, crescere per comunicare

 

NUOVE SFIDE SOCIALI: L’IMMIGRAZIONE 

 

Occorre rimettere al centro di ogni azione a favore dei rifugiati la centralità della persona umana e non il profitto. il Centro La Tenda è impegnato ormai da diversi anni in servizi e progetti sull'immigrazione nella convinzione che la rapida crescita del numero degli immigrati residenti regolarmente (e non) in Italia ed in provincia di Salerno richieda l'attuazione di iniziative per la promozione di una conoscenza reciproca, per il riconoscimento e il rispetto delle differenti identità culturali. Tutti i progetti e le attività realizzate sono finalizzate alla formazione ed alla diffusione di ogni informazione utile al positivo inserimento degli stranieri nella comunità, attraverso innanzitutto la conoscenza della lingua italiana e dei diritti e doveri.

 

COOPERAZIONE E LAVORO DI SQUADRA

Classe di approfondimento

Le caratteristiche metodologiche proposte dal cooperative learning si intrecciano con la modalità operativa delle organizzazioni dell’impresa sociale andando a incidere sul rafforzamento delle motivazioni e della cultura di fondo di chi opera e cioè su: ◦ la collaborazione ◦ la responsabilità personale e condivisa ◦ l’attenzione all’altro

 

 

 

 

SERVANT LEADERSHIP  Le competenze del Leader di servizio

Classe di approfondimento

 

L’esperienza del Centro La Tenda ha, da tempo, messo in dubbio la tradizionale visione del leder e come “onnipotente factotum” in favore di una concezione più orientata a considerare la natura relazionale della funzione direttiva. D’altra parte gli strumenti di derivazione psicoterapeutica non risultano più sufficienti a garantire una collocazione funzionale nell’organizzazione del lavoro. Le competenze organizzative, di gestione dei processi, risultano di fatto sganciate da competenze psicopedagogiche, in senso stretto, per cui, molto spesso a posizioni ritenute “apicali “nella struttura organizzativa del Centro non si accede più, tout court, in virtù della “crescita” maturata nell’ambito delle esperienze specificamente educative.

 

 

A PAROLA DELLA DOMENICA   Un cammino spirituale in 11 parole

Classe di approfondimento

 

Spunti di riflessione raccolti dalle considerazioni di Don Nicola Bari, nel corso delle sue omelie domenicali dal 3 maggio al l’11 luglio 2020.

I TITOLI DEI MODULI

PORTA

Commento all'omelia del 3 MAGGIO 2020

PIETRA

Commento all'omelia del 10 MAGGIO 2020

ORFANANZA

Commento all'omelia del 17 maggio 2020

DUBBIO

Commento all'omelia Del 24 Maggio 2020

RESPIRO

Commento all'omelia Del 31 Maggio 2020

PANE

Commento all'omelia del 14 giugno

MISTERO

Commento all'omelia del 7 giugno 2020

POVERTA' E PAURA

Commento all'omelia del 21 giugno 2020

ACCOGLIENZA

Commento all'omelia 27 giugno 2020

SEMPLICITÀ

Commento all'omelia del 5 luglio 2020

PAROLA

Commento all'omelia del 12 luglio 2020