089 481820 - Via Cristoforo Capone, 59 Salerno info@centrolatenda.it

AGENDA 2020

AGENDA 2020

OSIAMO INSIEME COME SQUADRA OLTRE I NOSTRI CONFINI

 

E’ da questo impegno che quest’anno vogliamo ripartire, ripensare alla nostra amicizia, al nostro operare insieme. È la “regola” a cui ispirarci pe riprendere il nostro cammino che in tanti abbiamo intrapreso da tempo.  Fare squadra è quanto ci occorre per fare in modo che le nostre diversità possano convergere in un linguaggio nuovo, legati ad orizzonti di senso condivisi. Se è vero che la forza della squadra, nello sport come nella vita, sta nell’ incontro delle differenze individuali che trovano la loro giusta direzione convergendo in un unico obiettivo e in una condivisione di valori e di intenti, possiamo guardare a questa metafora come il filo conduttore del nostro lavoro, anche per il nuovo anno... Essere uniti nello spirito di reciproca solidarietà, riconoscersi fragili e bisognosi degli altri, desiderare di ripartire dalle proprie incoerenze, dai disagi che ciascuno manifesta o nasconde nel profondo del proprio animo: queste sono le basi su cui possiamo ritrovarci come operatori o come utenti del Centro, ma soprattutto come persone. Per fare dei nostri limiti una risorsa, una scoperta, un’occasione di crescita per sé e per gli altri e di ampliamento dei nostri confini. Un’aspirazione forse troppo elevata ma un’ambizione possibile da perseguire, da poter coltivare anche ragionevolmente se perseguita insieme.

GLI INGREDIENTI

  1. LE RADICI

IL VALORE DELLA MEMORIA

«Il nostro Centro è una realtà sempre in evoluzione: non è quello di ieri, non è quello di domani! Ma come ogni fotogramma  di un film, ogni momento ha senso se rapportato ai precedenti e a quelli successivi. Non è una realtà statica, anche se ciò darebbe sicurezza. È sempre aperto ad accogliere nuovi stimoli, ad elaborare nuove risposte». Don Nicola Bari, Presidente del Centro La Tenda

UN PO’ DI STORIA

Il percorso del centro LA TENDA, pur partendo da molto lontano, si avvia concretamente nel 1979 quando l’Azione Cattolica della Diocesi di Salerno, di cui Don Giovanni Pirone era l’assistente spirituale, organizza un convegno diocesano dal quale scaturisce “Il Comitato diocesano per la vita”. Ne fanno parte diverse Associazioni, tutte sensibili al disagio, in qualunque forma esso si manifesti. Il “Comitato diocesano per la vita” si rende subito conto dell’assoluta mancanza di strutture adeguate sul territorio salernitano per accogliere chi necessita d’aiuto.

Dopo qualche anno, nel 1984, prende corpo l’Accoglienza per giovani con problemi di tossicodipendenza, prima fase del programma terapeutico, mutuato dal Progetto Uomo dal Ce.I.S. di Roma. Da quel momento in poi i ragazzi, con “il problema in più”, iniziano ad aumentare tanto da far nascere l’esigenza di aprire una Comunità Terapeutica.

Il quattro Maggio 1985 la C.T. “La Pagliuzza” de “la Tenda” ospita i primi ragazzi.

Nel 1986, Don Nicola Bari, succeduto a Don Giovanni Pirone avvia una svolta determinante per LA TENDA. Accettando la sfida del dinamismo sociale e diversificando le sue attività, il Centro punta a favorire l’inclusione sociale di gruppi svantaggiati secondo una logica diversa, che agisce a livello di “sistema”, in termini di promozione complessiva dello sviluppo sociale, sia in relazione alle problematiche di un determinato territorio, sia in risposta ai bisogni espressi dalle persone, e fra queste quelle più fragili. LA TENDA testimonia un modo nuovo di affiancare l’ “uomo, capace di crescere e svilupparsi, con la propria identità e autonomia, secondo un proprio percorso e un proprio futuro, indipendentemente dalle qualità, cultura, livello sociale, potere economico e politico di partenza”. Questi cambiamenti determinano una ramificazione territoriale del Centro.

Dal modello organizzativo nato con la creazione del primo Programma Terapeutico, all’attuale complessità dei servizi e delle funzioni, il Centro LA TENDA ha dimostrato, agli inizi del 2000 di muoversi secondo un processo in continuo divenire. Dall’idea di Comunità Terapeutica per tossicodipendenti, si è sempre meglio definita una nuova idea di comunità di passaggio, risorsa della rete territoriale al servizio della persona in difficoltà.

In questa prospettiva ben si colloca l’azione di accompagnamento, fatta non solo con organizzazioni dell’Italia Meridionale (Campania, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna) ma avviata, nel 2002 con una Comunità Terapeutica di Roma “Sorella Luna” che rappresenta una nuova esperienza di integrazione tra un modello tradizionale di Comunità Terapeutica e il nuovo modello di sviluppo sociale del Centro LA TENDA, una realtà dinamica, con finalità di mediazione, accompagnamento e orientamento, facilitatrice di passaggi evolutivi, ma anche di catalizzatore di processi e interazioni tra persone, gruppi, enti, etc. In questi ultimi anni,  l’evoluzione dell’organizzazione, la maggiore presenza nel territorio, l’incremento e la differenziazione delle richieste, le mutate condizioni socio economiche, le nuove esigenze di comunicazione con il territorio, le  caratteristiche di sempre maggiore dinamicità e complessità che vengono richieste agli operatori determinano una fase di maggiore istituzionalizzazione ed una sempre maggiore professionalizzazione degli operatori. L’organizzazione viene a trovarsi immersa in una complessa rete di scambi con la rete che richiedono l’affinamento delle sue capacità interne di gestione e l’adeguamento delle competenze professionali degli operatori. Sono avvenuti così cambiamenti sia nei servizi a committenza interna che nelle aree di confine a cui l’organizzazione assegna una specifica funzione di scambio con l’ambiente esterno e si è verificato di fatto l’abbattimento delle residue barriere organizzative tra “interno” ed “esterno”.

 

  1. IL MODELLO ANTROPOLOGICO

LA PERSONA AL CENTRO

Il modello organizzativo delle Aree, adottato dal Centro La Tenda, corrisponde  al rafforzamento di un’idea di “persona” in continuo divenire, “capace”, come recita la filosofia di fondo, “di crescere e svilupparsi, con la propria identità e autonomia, secondo un proprio percorso e un proprio futuro, indipendentemente dalle qualità, cultura, livello sociale, potere economico e politico di partenza”. È un’idea di Uomo che il “modello per Aree” approfondisce e rilancia, attraverso la presa in carico degli aspetti costitutivi della Persona, vale a dire: -l’aspetto psicologico individuale (che viene curato, in particolare, dall’Area psicoeducativa) -l’aspetto sociale (che viene curato, in particolare, dall’Area Territoriale) -l’aspetto lavorativo (che viene curato, in particolare, dall’Area Lavoro) -l’aspetto dei bisogni di assistenza (che viene curato dall’Area Servizi) Di fatto, il modello per Aree valorizza (e responsabilizza) l’apporto di ogni singola Area e dei suoi componenti per la definizione di un Progetto Individualizzato che superi definitivamente ogni approccio standardizzato. L'Area Psicoeducativa, in particolare, propone un percorso incentrato sulla persona, operando per la sua crescita continua, ponendo particolare attenzione alle relazioni che ha costruito e che realizza nell’ambito familiare e nella società. Questo percorso educativo è fortemente incentrato sulle esigenze dell’individuo.

 

  1. UNA CONTINUA EVOLUZIONE

NUOVE RISPOSTE PER NUOVI (E VECCHI) DISAGI

Negli ultimi trent’anni, lo scenario del fenomeno delle dipendenze ha subito trasformazioni profonde. Il cambiamento delle sostanze e degli stili di consumo, la diffusione di nuove dipendenze senza sostanza (gioco d’azzardo, internet addiction, sex addiction, disturbi del comportamento alimentare, shopping compulsivo), l’aumento della cronicità, dei casi di doppia diagnosi, del consumo di cocaina e alcol, del numero di tossicodipendenti detenuti in misura alternativa, hanno messo in crisi il vecchio modello centrato sulle Comunità Terapeutiche e sul principio di sussidiarietà. La complessità del fenomeno delle dipendenze richiede sempre più un ripensamento dell’intero sistema dei servizi, accentuandone il carattere integrato, tipico degli interventi in rete.

 

  1. GLI ASSETTI PERMEABILI SEMPRE NUOVI

LE AREE DEL CENTRO PER "FARE SQUADRA"

Dall’idea di Comunità Terapeutica per tossicodipendenti, si è sempre meglio definita una nuova idea di comunità di passaggio, risorsa della rete territoriale al servizio della persona in difficoltà. Una realtà dinamica, con finalità di mediazione, accompagnamento e orientamento, facilitatrice di passaggi evolutivi e di interazioni tra persone, gruppi, enti, etc. Oggi, Il Centro La Tenda è strutturato in Aree per consentire una maggiore penetrazione sociale, una più efficace erogazione di servizi, una maggiore personalizzazione dei servizi rivolti alla persona. E’ un’impostazione pensata e voluta per rispondere a sempre nuove e impegnative sfide sociali. Esse rispecchiano la consapevolezza che le domande poste dalle emergenti problematiche sociali possono essere affrontate solo con l’impegno a “fare squadra”, attraverso l’integrazione delle diverse specificità che ognuna di esse rappresenta. Attualmente “Il Centro La Tenda si sta sempre più focalizzando sulla promozione e diffusione del modello per Aree, un modello scelto in quanto più rispondente alle finalità, alle attività e alle dimensioni della sua proposta di sviluppo sociale”.  Il modello per Aree, infatti, "è quello che maggiormente favorisce il recupero del senso e delle radici del nostro impegno" .  È, del resto, proprio della dinamica processuale del Centro dotarsi di una "struttura flessibile" tale da essere sempre al passo con i tempi e capace di rispondere ai bisogni emergenti. Le Aree, da un lato, costituiscono il progetto complessivo del Centro, per aiutare tutte le persone (operatori e utenti) a collocarvisi e ad esserne protagonisti; dall’altro, rappresentano parti integranti della persona, la cui armonica interazione è funzionale al benessere della persona stessa. Ne consegue che ciascuna Area, pur avendo identità, caratteristiche ed attività proprie, non può prescindere dall’interazione con le altre in una logica sistemica e che gli stessi percorsi individuali proposti possono attraversare tutte le Aree o prevedere attività che afferiscono ad Aree diverse. Tutte le Aree contribuiscono, ciascuna con progetti, attività e/o servizi specifici, alla crescita complessiva del Centro, anche in termini di autofinanziamento.

 

  1. AIUTARE GLI ULTIMI

LA SCELTA DEL SERVIZIO

L’Area Psicoeducativa o terapeutica è quella che affronta il disagio manifesto ed è quella a cui fa prevalentemente capo alla strutturazione dei percorsi educativi individuali. Di fatto, l’Area psicoeducativa   mette al centro la persona e questo perché la proposta del Centro è quella di essere una opportunità per tutti coloro vogliono sviluppare se stessi. Propone un percorso incentrato sulla persona, su colui che si rivolge al Centro, operando per la sua crescita continua, ponendo particolare attenzione alle relazioni che ha costruito e che realizza nell’ambito familiare e nella società. Questo percorso educativo è fortemente incentrato sulle esigenze dell’individuo. Si parte così dai primi colloqui di orientamento e di definizione dei primi bisogni della persona. Di fatto, il modello per Aree valorizza (e responsabilizza) l’apporto di ogni singola Area e dei suoi componenti per la definizione di un Progetto Individualizzato che superi definitivamente ogni approccio standardizzato (come avveniva nella logica del vecchio Programma terapeutico).

  1. L’AUTO AIUTO

UNA FILOSOFIA DI APPROCCIO ALLA PERSONA

 

Significa aiutare qualcuno ad aiutare se stesso, cioè aiutare a riprendere un processo di crescita personale e sociale. Aiutare una persona e analizzare la propria situazione, confrontarsi con essa, vedere fino a che punto può essere soddisfacente, e alla fine decidere cosa vuole fare è un processo spesso faticoso e doloroso ma l’unico efficace. SIGNIFICA: -Ascoltare ciò che una persona vuole comunicare -Condividere i suoi problemi e sentimenti senza emettere alcun tipo di giudizio -Offrirsi di fare da specchio alla situazione della persona -Aiutare la persona a prendere coscienza delle difficoltà -Lasciare che la persona decida liberamente ciò che è veramente appropriato alla sua situazione: solidarietà e supporto senza interferire nel processo decisionale. L’auto-aiuto libera un’energia capace di portare la persona, anche la più incallita, fuori dalla sua dipendenza: questa energia proviene da un’esperienza spirituale. È formato da persone che riconoscono e sono convinte di avere bisogno di essere aiutate e che non sono capaci di farlo da solo.

CARATTERISTICHE DEL GRUPPO DI AUTO-AIUTO -Spiritualità -Umiltà -Toccare il fondo -Vivere un giorno alla volta IL GRUPPO È un gruppo basato su: -Condivisione -Identificazione -Confronto -Rispecchiamento negli altri

  1. LA COOPERAZIONE

L’AREA LAVORO

Sorta per rispondere al disagio di chi, pur avendo portato a termine un’esperienza di recupero rischiava di vedere vanificati i propri tentativi da una mancata integrazione socio-lavorativa. L’Area Lavoro contribuisce a sviluppare una nuova cultura del lavoro, rivisitato come opportunità di crescita complessiva della persona e della comunità territoriale, percorso educativo globale, soprattutto se coniugato con i principi e la metodologia operativa della cooperazione. Propone azioni positive e progettuali relativamente a formazione ed opportunità lavorative in un ottica di cooperazione e di autoimprenditorialità. L’obiettivo non è tanto quello di offrire lavoro ma di offrire un’esperienza produttiva che aiuti le persone a rendere concreto il proprio progetto di vita rispetto al lavoro non escludendo, però, l’effettivo inserimento lavorativo.

 

  1. LA SPIRITUALITÀ

SORELLA LUNA

Sorella Luna offre  un  modello comunitario, dinamico e aperto, al servizio di un'utenza varia e diversificata. Una proposta fuori dagli schemi di una classica comunità terapeutica ma dentro una prospettiva di ricerca, ascolto e promozione della persona. Di fatto "Sorella Luna" pone la persona, qualunque sia il disagio di cui è portatrice, al centro della vita comunitaria. L'esperienza residenziale, i gruppi di auto-aiuto, l'orientamento al lavoro, la formazione professionale nei laboratori di falegnameria, agro-zootecnia, giardinaggio, le attività di animazione culturale e sportiva, gli imprescindibili momenti di approfondimento spirituale ne sono gli ingredienti base. Ovviamente, la capacità di combinare gli elementi, il loro giusto dosaggio, il procedimento per la realizzazione del "prodotto" Sorella Luna non è traducibile a parole

 

  1. DARE VALORE ALLE DIFFERENZE

LA TENDA PER GLI IMMIGRATI

Il Centro La Tenda è impegnato ormai da diversi anni in servizi e progetti sull'immigrazione nella convinzione che la rapida crescita del numero degli immigrati residenti regolarmente (e non) in Italia ed in provincia di Salerno richieda l'attuazione di iniziative per la promozione di una conoscenza reciproca, per il riconoscimento e il rispetto delle differenti identità culturali. Tutti i progetti e le attività realizzate sono finalizzate alla formazione ed alla diffusione di ogni informazione utile al positivo inserimento degli stranieri nella comunità, attraverso innanzitutto la conoscenza della lingua italiana e dei diritti e doveri. Inoltre, il Centro è impegnato, inoltre,  a promuovere opportunità di integrazione e di crescita personale e comunitaria, nella valorizzazione delle diversità e ricchezze culturali, attraverso la  partecipazione ad attività ed iniziative ricreative, sociali, religiose degli stranieri che vivono a Salerno e nella provincia. Le persone straniere con le quali si è avuto un contatto a vario titolo sono state più di 2000, per quanto riguarda invece i percorsi di conoscenza della lingua italiana e di integrazione hanno visto coinvolti circa 900 migranti.

  1. LA FORMAZIONE PERMANENTE

IMPARARE E DISIMPARARE CONTINUAMENTE

-Il gruppo di lavoro cooperativistico ha rappresentato la metodologia di lavoro più efficace, capace di accompagnare e far germinare la proposta fondata sulla solidarietà operativa, fattiva. Anche per questo, il processo formativo, promosso dal Centro La Tenda, privilegia la mediazione della variabile “gruppo”, e si rivolge in particolare agli ambiti operativi cooperativistici, riconosciuti come depositari di un prezioso, talvolta inconsapevole, valore aggiunto. Ciò al fine di accompagnare tali ambiti nella messa a punto  di un metodo di lavoro che conferisca al gruppo la capacità di valorizzare le risorse umane di tutti i partecipanti. -Le proposte formative sono improntate  alla metodologia del “Cooperative learning”  e all’approccio “Learning by doing” e innervano il complessivo macroprocesso della partnership. -Il “cooperative learning” e l’approccio del “Learning by doing” consentono  di costruire contesti di formazione permanente, capaci di integrare: -formazione tecnica / aggiornamento professionale rivolta a diversi e innovativi profili professionali,   la formazione funzionale per il corretto svolgimento di funzioni che non sono direttamente collegate alle proprie specializzazioni (professionali  o di ruolo), -la formazione metodologica riferita alle competenze relazionali proprie “lavoro di gruppo cooperativistico”. E’ certamente molto indicativo che l’accento venga messo immediatamente più sul metodo d’apprendimento (Cooperative learning) che sulle figure professionali individuate. Questa scelta si può però intendere nel suo significato profondo se si tenga conto tanto del presupposto di scopo (il protagonismo educativo del destinatario dell’intervento) quanto della funzione attribuita alla formazione (direttamente inerente, cioè, all’obiettivo individuato).

 

  1. FARE RETE

UNA SQUADRA PER LE SQUADRE

“La rete non è una parola magica ed evanescente cui rinviare tutte le soluzioni e neanche solo una modalità concreta di approcci e di gestioni dei servizi, ma l’espressione di una cultura di responsabilità e di solidarietà sociale e istituzionale. Soggettività giuridica e sociale del minore, centralità del territorio, ricollocazione dell’intervento sulle relazioni familiari dentro questo contesto, lavoro in rete, complementarietà pubblico- privato sociale e logica del partenariato non come strumenti di reciproche meschine convenienze ma come consapevole riconoscimento del limite per cui nessuno basta a se stesso e non vi è spazio per le onnipotenze quando si lavora per i ragazzi, solo così gli assi portanti di un modello integrato di intervento, del quale l’esperienza de La Tenda, nelle sue multiformi avventure, costituisce un esempio che è cresciuto su se stesso e ha fatto crescere la comunità. Certo, non secondo una linea dritta e continua, ma in un cammino tormentato segnato da discontinuità, da cesure, da incomprensioni”. (Pasquale Andria, già Presidente Tribunale per i minori di Salerno)

L’ AREA TERRITORIALE

Propone interventi sul disagio non manifesto; il Centro va verso le persone, con un lavoro di rete in cui i servizi, con metodologie e progetti, sono offerti per rispondere ai bisogni individuati. I progetti dell’area territoriale si basano sul coinvolgimento   del territorio e dei comuni limitrofi. Quest’area ha due obbiettivi fondamentali: il primo è quello di contribuire allo sviluppo sociale del territorio anche attraverso una maggiore conoscenza del territorio stesso, il secondo è soprattutto mirato ad un’autopromozione, per determinare una consapevolezza più chiara dell’ambiente in cui si vive. Così il Centro ha fatto in modo di attivare dei servizi in collaborazione ed in rete con quelli già esistenti sul territorio: - servizio d’animazione - servizi per l’integrazione multietnica - percorsi formativi per operatori, volontari, docenti e genitori - servizio di recupero scolastico -laboratori artistici culturali e professionali -servizio di sostegno ai familiari – convegni

  1. LA COMUNICAZIONE SOCIALE

IL SERVIZIO COMUNICAZIONE

Il servizio contribuisce alla funzione di: elaborazione concettuale, rilettura, sistematizzazione, dell’esperienza operativa e formativa (maturata nel corso dell’azione psico-educativa, socio-lavorativa e di promozione territoriale)  del Centro LA TENDA Si pone  in naturale sintonia con la sperimentazione di contesti socio-educativi instabili e permeabili. La finalità consiste nel potenziare la “proposta” del Centro la Tenda. E nel  consentire la maggiore visibilità   dei  progetti e delle  esperienze realizzate dal Centro La Tenda, per diffonderle  sia in termini  quantitativi che qualitativi.

Il  servizio utilizza i seguenti  mezzi di comunicazione online, già disponibili

  • www.centrolatenda.it
  • https:// caosinfo.wordpress.com Facebook caos Formazione La Tenda 
  • https://caosinformablog.blogspot.com/ 
  • https://infoaree.wordpress.com/
  • https://caoscentrostudiblog.wordpress.com/

Il servizio comunicazione  cura inoltre la pubblicazione mensile caosinforma, su cui troveranno spazio, per una più capillare diffusione, le principali notizie, relative all’attività delle Aree del Centro La Tenda